top of page

I am not ok continua e il tuo sostegno è sempre più importante

La campagna I am not ok, lanciata nei mesi scorsi dalla WIZO e immediatamente premiata dalla generosità dai sostenitori dell’ADEI WIZO, sta già facendo molto per alleviare i traumi psicologici della popolazione israeliana in seguito alla strage del 7 ottobre, in particolare, dedicandosi alle fasce più sensibili che soffrono e patiscono maggiormente le sue conseguenze. Ma c’è ancora molto da fare e l’attenzione dell’ADEI WIZO si sta concentrando su altri progetti specifici in quest’ambito. Il primo è Ritorno a Sderot, dedicato al Centro di Assistenza per l’infanzia di questa città particolarmente esposta ai tragici eventi, affinché la vita possa tornare accompagnata da condivisione, insegnamento e gioia.


Ritorno a Sderot 

Il 3 marzo la WIZO riaprirà i tre centri d’assistenza all'infanzia di Sderot, chiusi all’indomani dei massacri perpetuati il 7 ottobre. Un momento estremamente drammatico per questa città collocata proprio a ridosso del confine con Gaza. I 30.000 residenti di Sderot, comprese le famiglie dei quasi 200 bambini che frequentano i tre asili nido WIZO nella città e i 50 educatori professionisti che si occupano di loro, sono stati costretti a fuggire dalle loro case. Ora stanno tornando e la riapertura delle istituzioni scolastiche di Sderot, compresi gli asili, è fondamentale per il ritorno alla vita normale della città. Senza scuole, i genitori non possono lavorare e la comunità non può funzionare. Gli abitanti di Sderot vogliono tornare alle loro case e la WIZO deve essere pronta per accoglierli a braccia aperte.

Ma riaprire i centri, mentre perdura l’incertezza è un'impresa complicata che richiede significativi investimenti di attenzione e risorse. È necessario dare sia un aiuto concreto, sia un supporto morale a chi ha subito tanti traumi. Lo step più urgente è raccogliere fondi per far tornare ad operare i 50 educatori e operatori dei tre centri di assistenza all'infanzia.

Senza di loro è impossibile riaprire, ma ad oggi molti sono ancora sfollati in alloggi di fortuna sparsi nel Paese ed è importante dedicare loro risorse materiali e finanziarie e programmi di supporto emotivo e psicologico, per aiutarli a svolgere il loro lavoro in queste circostanze incredibilmente difficili. La WIZO è totalmente al loro fianco e che sono al centro della nostra massima attenzione

128 visualizzazioni

Comments


bottom of page