top of page

All’ombra di un vulcano


In fatto di sicurezza nazionale, Israele ha sempre vissuto all'ombra di un vulcano che può attivarsi in qualsiasi momento. Lo scorso fine settimana il vulcano è esploso, con due attacchi terroristici a Gerusalemme, in cui sette cittadini israeliani sono stati uccisi e cinque feriti. Queste tragedie fanno parte del prezzo che paghiamo per l'indipendenza e la sovranità in questo bellissimo e complicato Paese - che è, con tutte le difficoltà e le sfide, il nostro unico Paese.

Da Erev Shabbat, tutti gli israeliani hanno seguito gli eventi con angosciante dolore per ogni vittima di questi vili attacchi e con grande rabbia per il sangue ebraico innocente versato nelle nostre strade.

E quando colpisce vicino a casa, fa ancora più male.

Tra le vittime di venerdì sera c'era Asher Natan, un ragazzo di 14 anni che è stato colpito mortalmente mentre usciva dalla sinagoga Ateret Avraham, nel quartiere di Neve Ya'akov a Gerusalemme. Le sue due sorelline, gemelle di due anni, sono iscritte al Centro diurno M. Helene e Nadine de Rothschild della WIZO, sostenuto dalla WIZO Germania, che si trova a tre minuti a piedi dalla sinagoga. Nel corso degli anni altri bambini di questa grande famiglia sono stati curati e istruiti nel nostro centro diurno.

Solo 9 giorni prima dell'attentato, una folta delegazione della WIZO proveniente da tutto il mondo ha visitato questo centro diurno nell'ambito del nostro annuale incontro internazionale di rappresentanti.

Naturalmente siamo venuti in aiuto della famiglia e la stiamo sostenendo in tutti i modi possibili in questo momento difficile.

Preghiamo per giorni migliori, per la pace, la sicurezza e l'unità di Israele.


Anita Friedman, World WIZO Chairperson

17 visualizzazioni
bottom of page