Il Forum: l’esperienza e l’apporto delle donne ebree in Italia e in Israele nella società di oggi


Cominciamo a scoprire più in dettaglio i temi e i protagonisti del Primo Forum Nazionale delle Donne Ebree d’Italia organizzato dall’ADEI WIZO il 9 novembre alla Sala Alessi di Palazzo Marino a Milano. Questa settimana, in particolare, ci concentriamo sulla prima tavola rotonda delle tre in cui è divisa la giornata, il cui inizio è previsto per le 14.30. Il titolo è “L’esperienza e l’apporto delle donne ebree in Italia e in Israele nella società di oggi”.

L’idea che supporta il tema è capire se l’ambiente delle tradizioni, della cultura ebraica e del sionismo, in cui sono cresciute donne come le protagoniste del panel di discussione, è stato significativo per la loro vita professionale e in grado di portare un contributo alla società in cui operano. Vivere in un particolare contesto, magari minoritario rispetto all’ambiente circostante, può essere talvolta limitante, ma anche, al contrario, consentire una visione allargata o un approccio diverso e più risolutivo ai problemi. Una risorsa, quindi, dove anche superare gli ostacoli è una sfida che può essere usata a proprio vantaggio.


Ferruccio de Bortoli, chiamato a moderare proprio la prima sessione del Forum, ma anche a introdurre, coordinare e concludere l’intero Forum, ci ha inviato un’interessante riflessione sulle donne ebree nel nostro Paese. Dire un solo nome o dirne di tante - che ho conosciuto e apprezzato- non darebbe mai l’idea, fino in fondo, di quanto sia stato e sia importante il contributo delle donne ebree alla società italiana. E dunque il mio pensiero va a quelle donne - molte di queste io non le conosco ma so che ci sono - che hanno affrontato, con coraggio e determinazione, le mille difficoltà della vita quotidiana, familiare e lavorativa, nella consapevolezza di dover infrangere non un tetto di cristallo, ma intere montagne di pregiudizi. E lo hanno fatto con il sorriso, la gentilezza, ma anche e soprattutto con una inesauribile forza d’animo. Un motore, seppur piccolo, dell’umanità che trasmette a tutte e a tutti un messaggio di resistenza nel difendere valori che loro sanno, più di altre e di altri, quanto siano fragili e spesso indifesi”.


Quattro donne di successo

Il primo panel ospiterà quattro donne con un percorso professionale in ambiti molto diversi tra loro, ma tutte nell’eccellenza del proprio campo.

Gabriella Modiano: European Patent and Trademark Attorney (consulente brevetti e marchi europeo) con specializzazione in ingegneria, Managing Patner Studio Modiano & Partners.

Francesca Levi Schaffer: Professoressa di farmacologia con cattedra di immunofamacologia all’Università Ebraica di Gerusalemme e Honorary Fellow of the Royal College of PHysician, President European Mast Cell and Basophil Reseach Network, President Elect International Union of Basic and Clinical Pharmacology.

Elena Loewenthal: Giornalista, traduttrice, direttore della Fondazione Circolo dei Lettori di Torino.

Andrée Ruth Shammah: Direttore e Presidente, regista e anima del Teatro Franco Parenti di Milano.

Ricordiamo che la partecipazione al forum sarà a ingresso libero, previa PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA richiesta scrivendo a forum@adeiwizo.org.

Tutte le informazioni su orari e ospiti saranno disponibili su www.adeiwizo.org/

Continuate a seguirci per approfondire i temi delle altre due tavole rotonde.

298 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti