top of page

Intervento di Esther Mor – Presidente Onoraria a Vita del World WIZO all’EGM 2024


Oggi non solo ricorre la scadenza dei miei due mandati come Presidente Mondiale della WIZO, ma anche quella degli oltre 50 anni trascorsi alla WIZO, alla quale ho dedicato con appassionato impegno quasi tutta la mia vita.

Nel 1972 sono entrata all’ADEI WIZO mentre ero in Italia. Ho compiuto l’Aliyà nel 1980 e ho aderito alla WIZO di Savyon, lavorando nel Comitato Esecutivo. Nel 2000 sono entrata a far parte del World WIZO come Vice Chair della Divisione Raccolta Fondi, dove ho lavorato per 8 anni e, successivamente, sono stata nominata Chairperson per altri 8 anni, per un totale di 16 anni. Il mio lavoro consisteva nell’avvio di nuove campagne annuali di raccolta fondi e nella creazione di spille per donatori e volontari del World WIZO. Ricordo le parole di Celia Michonik che mi raccomandava: "Esther, devi far aprire le mani e il portafogli se vuoi fare una raccolta fondi", e così ho fatto. Ho iniziato a creare e vendere spille Woman of Valour, spille WIZO Chai e spille Sponsor a Child. Sono andate via come il pane appena sfornato e i fondi sono affluiti. La mia naturale empatia con i donatori ha portato a un aumento delle offerte e durante il mio mandato sono stati raccolti, annualmente, circa 24 milioni di dollari. Questi fondi hanno permesso la costruzione di nuovi Asili WIZO, con la messa a norma dei parchi gioco in tutti questi centri, oltre che importanti miglioramenti delle Scuole e Villaggi Giovanili WIZO.

Nel 2003, ho fondato "Amici della WIZO" in Israele e ne sono stata la Presidente per 10 anni fino al 2013. Abbiamo raccolto fondi e siamo riusciti a sostenere due centri WIZO di assistenza all'infanzia. Abbiamo collaborato con la WIZO Israele per ospitare la celebrazione nazionale di Bar/Bat Mitzvà al Kotel per 600 figli di genitori single.

Le nostre madri fondatrici, con saggezza, hanno stabilito che il nostro movimento aveva bisogno di una Presidente per essere rappresentato a livello nazionale e internazionale, per mantenere uno stretto contatto con tutte le nostre Federazioni, coltivare relazioni con i principali donatori, dare alla WIZO una voce significativa nelle Istituzioni Nazionali, nel Corpo Diplomatico, nelle entità governative e diffondere il messaggio della WIZO presentando il nostro movimento a nuovi target.

Sono orgogliosa di aver svolto tutti i miei compiti e di essere riuscita a presentare la WIZO a persone sempre nuove, contribuendo a diffondere il suo messaggio di empowerment attraverso contatti personali con club internazionali, di cui sono stata un membro significativo dal 1983, ricoprendo ruoli di tesoriera per due mandati - 6 anni in tutto - e divenendone Vicepresidente e Presidente anche mentre ero la vostra Presidente mondiale. Ho partecipato a molti eventi annuali e nazionali organizzati dalle Ambasciate durante la mia vita in Israele. Molti di loro non sapevano cosa fosse la WIZO, ora lo sanno. Nel 2017, ho ospitato una delegazione formata da mogli di Ambasciatori provenienti da 20 paesi per visitare la WIZO a Nir HaEmek: sono rimaste stupite dall’impostazione dei nostri villaggi giovanili e molto impressionate dai giovani che hanno incontrato in quelle visite.

Uno dei piaceri di essere Presidente è visitare i nostri progetti WIZO, i centri di assistenza all'infanzia, i villaggi giovanili, i centri comunitari e le Sezioni e le Federazioni WIZO.

Ogni visita mi fornisce una visione da condividere con tutte voi per trasmettervi l'orgoglio che dovreste avere in voi stesse e nei progetti che contribuite a realizzare, per ispirarvi e motivarvi a fare ancora di più, perché ne siete pienamente capaci. L'ho fatto in tutti i miei ruoli nel corso degli anni e non è mai stato tanto evidente quanto durante le mie missioni WIZO all'estero.

Innanzitutto, ho la possibilità di vedere il lavoro straordinario che voi, le nostre Federazioni, svolgete nei vostri paesi d'origine. Il vostro impegno appassionato, la dedizione e abnegazione sono il vento sotto le ali della WIZO. Avete permesso alla WIZO di continuare a fare sempre “ciò che serve” nei suoi 103 anni e di assumersi ulteriori impegni durante le crisi nazionali.

Negli ultimi 8 anni sono stata invitata in Australia, Sud Africa, USA, Germania, Argentina, Repubblica Ceca, Canada, Olanda, Italia, Regno Unito, Cile, Svizzera, Irlanda, California e Messico. Alcune missioni, come in Australia e Sud Africa, sono state molto lunghe perché le Federazioni locali lavorano su una vasta area; molte delle visite avevano una particolare importanza, ad esempio in occasione di anniversari con le celebrazioni del centenario della CHW, il centenario di WIZO UK nel 2020 e il 90° anniversario dell’ADEI WIZO Italia.

Alcune missioni sono state speciali. Ero in Olanda quando la Presidente di allora, Joyce Neumann, ricevette un premio nazionale. Nel 2017, durante la mia missione in Cile, ho avuto il privilegio di incontrarne la Presidente Michelle Bachelet. Nel 2019 è stata fondata la WIZO in Irlanda, e ho avuto la fortuna di essere la prima Presidente mondiale della WIZO a visitare la nuova Federazione. L'anno scorso sono stata la prima Presidente a visitare la WIZO in Messico da oltre un decennio.

Incontrare le socie della WIZO in tutto il mondo è molto importante e l’impossibilità di viaggiare durante la pandemia ha reso questo concetto ancora più evidente. Mantenere un contatto quotidiano, via telefono o attraverso videoconferenze è ottimo, ma manca ciò che le riunioni fatte di persona forniscono: la possibilità di esprimere e osservare sentimenti veri: orgoglio, emotività, gioia, calore e tristezza. Approfitto di questa occasione per ringraziarvi tutte per l'ospitalità che mi avete offerto, e di aver aperto le vostre case per ospitare eventi in mio onore. Grazie per avermi presentato ai leader delle vostre Comunità e ai membri delle Federazioni che hanno espresso parole di elogio e apprezzamento per il vostro lavoro.

La Presidente World WIZO svolge anche il ruolo di presiedere e coordinare ciascuna delle nostre delegazioni all’interno delle Nazioni Unite: New York, Ginevra e Vienna. Il mio ufficio è anche responsabile del rinnovo dei pass per la sicurezza delle nostre delegazioni.

Queste svolgono un lavoro meraviglioso e, nel 2017, sono stata invitata dai nostri rappresentanti presso l'ONU - la Dr. Hava Bugajer (Vienna) e Anne Argi (Ginevra) - che hanno organizzato un evento collaterale dell'ONU sul post traumaSAS. All'interno di questo contesto, ho conferito il Premio speciale d’Israele Vera Weizmann al Prof. Shmuel Lahad e alla signora Yoko Arai dal Giappone, per un progetto congiunto e ai "Dream Doctors", organizzazione no-profit israeliana fondata nel 2002 che integra clown e medici professionisti negli ospedali israeliani. Dedicata al miglioramento del benessere dei pazienti, il modello operativo pionieristico dei Dream Doctors ha ottenuto il riconoscimento internazionale come leader nel loro campo.

Una parte integrante dei doveri del Presidente è rappresentare la WIZO presso le Istituzioni Nazionali. È per questo che attualmente sono membro dell'Organizzazione Sionista Mondiale e del Comitato per gli Affari Sionisti e delle loro Assemblee Costituenti. La WIZO è anche membro del Consiglio Generale Sionista e dell'Assemblea Generale del JNF-KKL.

Questo mi ha dato la meravigliosa opportunità di partecipare al viaggio di sei giorni "Sulle orme di Herzl" che ha coperto le tappe principali della sua vita a Budapest, Vienna e Parigi. Ho potuto condividere la parte viennese del viaggio con i rappresentanti della WIZO Austria.

Dopo essere stata nel prestigioso Comitato WZO che ha pianificato l'evento del 2022 per il 125° anniversario del primo Congresso Sionista tenutosi a Basilea, ho orgogliosamente guidato una delegazione WIZO con oltre 20 persone nella città svizzera e, nel 2023, la delegazione della WIZO alla celebrazione del 75° anniversario dell'Indipendenza di Israele a Gerusalemme.

Oltre a far parte del Consiglio di Amministrazione dell'Agenzia Ebraica, sono all’interno del Comitato per l'Aliyà. Durante le tre riunioni svolte annualmente, ci incontriamo anche con i vari tipi di Shlichim e ascoltiamo con interesse il loro fantastico lavoro educativo nelle comunità ebraiche, le sfide contro l'antisemitismo e il BDS, e il loro lavoro di hasbarà.

Sia l'Organizzazione Sionista, sia l'Agenzia Ebraica sono molto attive a livello nazionale e il loro sostegno per la guerra che ha colpito il nord e il sud d’Israele è costante. Il Sud d’Israele è stato sporadicamente sotto attacco negli gli ultimi 20 anni. Durante gli attacchi precedenti, la WZO ha tenuto appositamente le sue riunioni esecutive a Nord o a Sud per mostrare la nostra solidarietà con i residenti. Ho incontrato l’attuale Capo di Stato Maggiore Herzi HaLevi quando era a capo del Comando meridionale.

Spesso mi viene chiesto perché io investa così tanto in queste relazioni: è perché produce conseguenze molto positive. Forniscono alla WIZO una piattaforma globale per mostrare il suo lavoro. Inoltre, essendo un membro della WZO, la WIZO ha diritto a sovvenzioni annuali per coprire alcune attività e questo è molto utile: ad esempio la WZO finanzia, per 3 mesi, 5 appartamenti nel nostro Parents Home per gli sfollati del sud.

Nell’area internazionale, faccio parte dell'esecutivo del Congresso Ebraico Mondiale (WJC). L’esecutivo si riunisce tre volte l'anno: a NY, Gerusalemme e una volta in un paese europeo o sudamericano. A questi incontri invito sempre il Presidente della WIZO del paese ospitante, come la Repubblica Ceca, il Canada, gli Stati Uniti o l'Italia, per citarne alcuni. Incontro anche leader delle comunità ebraiche, membri dell'amministrazione statunitense e leader mondiali. Ad esempio, nel novembre 2022, ho avuto l'onore e il privilegio di rappresentare la WIZO in una visita di 3 giorni al Vaticano e di incontrare Sua Santità Papa Francesco. A livello personale, durante l'udienza con il Papa, gli ho chiesto di benedire Renata Perez, una cara amica e donatrice della WIZO di 99 anni, e lui gentilmente lo ha fatto.

Come vostra Presidente, sono stata fortunata a partecipare a eventi molto speciali. Nel settembre 2019 sono stata invitata a unirmi al Presidente Donald Trump e a funzionari senior della Casa Bianca per una teleconferenza nazionale con leader ebrei, per festeggiare con loro le imminenti festività ebraiche. Ho avuto una seconda teleconferenza per dibattere sull'ordine esecutivo del Presidente Trump per contrastare l'aumento dell'antisemitismo. Poi, durante il Covid, sono stata invitata dal Presidente Trump a partecipare il 15 settembre 2020 alla cerimonia ufficiale di firma degli Accordi di Abramo, che si è tenuta nel prato antistante la Casa Bianca. È stato sicuramente l'evento clou dell'anno. Ed è stato durante il Covid!!! Questi tre eventi di grande rilievo sono da considerare un grande onore per la WIZO.

Ma di gran lunga il più grande onore personale e per la WIZO è stato l'invito nel luglio 2023 da parte del Presidente Isaac Herzog, un grande amico della WIZO, a partecipare a "Kol Ha'am - Voice of the People - l'iniziativa per un “dialogo ebraico mondiale", che promuove il dialogo aperto tra le comunità ebraiche con proposte per il nostro Presidente sulle sfide principali che il popolo ebraico affronta.

Vorrei condividere con voi un altro evento che ho vissuto e che in questi giorni ha finito per assumere un significato molto importante. Nel 2020 "ZAKA" mi ha conferito il loro premio "Donna di Valore". I volontari di ZAKA sono per lo più paramedici addestrati, disponibili 24 ore su 24, che intervengono negli scenari di attacchi terroristici e omicidi in tutta Israele. Siamo abituati a vederli sulla scena di orribili tragedie. Erano tra i primi soccorritori il 7 ottobre e nemmeno la loro esperienza poteva prepararli alla carneficina che hanno trovato. Nemmeno i più esperti di loro riescono a descrivere gli atti atroci e barbari compiuti dai terroristi.

Negli ultimi tre mesi, la WIZO è stata parte integrante dello sforzo bellico nazionale e della campagna per liberare gli ostaggi. È stato una altalena emotiva - dove a una semplice domanda: “come stai” - non è facile rispondere. Ci dicono che la guerra non sarà breve, poiché il Governo è irremovibile nel voler garantire che i residenti del Sud d’Israele, che hanno sofferto per 20 lunghi anni e in quella maledetta giornata di ottobre, non patiscano mai più, e quindi continuerà fino all’eliminazione di Hamas. La WIZO continuerà a svolgere il suo lavoro e a sostenere il paese per quanto possibile. Israele merita la pace, i residenti del Sud d’Israele meritano di poter vivere nella tranquillità come tutti gli altri. Ci vorranno 2-3 anni per ricostruire i kibbutzim, ma risorgeranno. Fioriranno.

Voglio ringraziarvi tutti per il vostro continuo, saldo e straordinario sostegno per permettere alla WIZO di fare ciò che conta nei nostri progetti e nelle nostre comunità. Ho avuto un meraviglioso mandato di 8 anni e vi ringrazio per la fiducia che mi avete dato.

Spero di essere riuscita in qualche modo a ispirarvi e motivarvi per raggiungere le stelle, a essere la miglior versione possibile di voi stessi, a imparare qualcosa di nuovo ogni giorno, a essere creativi e innovativi, a essere orgogliosi di chi siete e di quello che fate e a ergervi fieri per voi stessi, per la WIZO e per Israele.

Mentre intraprendo il mio prossimo capitolo nella WIZO come Presidente Onoraria a vita, so cosa devo fare, è elementare: continuerò a fare del mio meglio per promuovere la WIZO come la più grande, prominente e straordinaria “sorellanza” volontaria, nazionale e internazionale, come ho sempre fatto. E...spero che continuerete a camminare con me in questo viaggio. Grazie per avermi ascoltata.


Vi amo tutti. Arrivederci cari amici.

Esther Mor

26 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page